Stai per abbandonare il sito di www.kedrion.it. Le informazioni contenute in questo sito potrebbero essere soggette a norme diverse da quelle vigenti in Italia.
NO
SI

La terapia intensiva, o critical care, consiste nello stretto monitoraggio e trattamento di pazienti affetti da malattie o lesioni potenzialmente mortali quali lo shock, le ustioni, gli incidenti, gli interventi chirurgici complessi, la sepsi e gravi problemi respiratori. Solitamente si svolge all’interno di una Unità di Terapia Intensiva o di un centro traumatologico.

Diversi prodotti plasmaderivati sono comunemente utilizzati  nel “critical care”.

 

Albumina umana

L'albumina è la proteina più abbondante nel plasma umano rappresentando circa la metà delle proteine totali contenute nel sangue.

L'albumina umana è una proteina multifunzione che ha svariati impieghi ed effetti biologici. Viene principalmente usata per pazienti in condizioni critiche in cui il  volume di sangue circolante risulta ridotto (ipovolemia).

L’albumina umana viene utilizzata come agente terapeutico in terapia intensiva da oltre 50 anni.

Antitrombina

L'Antitrombina è una proteina plasmatica che inattiva la trombina, un enzima del plasma importante nel processo di coagulazione. L’antitrombina agisce quindi come un potente anticoagulante ed principalmente utilizzata nel trattamento della carenza acquisita di antitrombina a seguito di coagulazione intravascolare disseminata (CID) associata a sepsi, traumi multipli, ustioni, complicazioni della gravidanza, interventi chirurgici etc.

L'antitrombina è usata anche in pazienti con deficit congeniti di antitrombina come profilassi per la trombosi venosa profonda e tromboembolia venosa in situazioni di rischio clinico (in particolar modo durante un intervento chirurgico o in prossimità del parto) e per la prevenzione della progressione della trombosi venosa profonda e della tromboembolia. Ove indicato, l’antitrombina è utilizzata in associazione all’eparina.

Complesso Protrombinico (PCC)

IL PCC è un complesso di fattori della coagulazione del plasma umano utilizzato per il trattamento e la profilassi delle emorragie nei pazienti con deficit congeniti singoli o combinati dei fattori IX, II o X laddove il concentrato  specifico non è  disponibile  ed è necessaria una rapida correzione di tale deficit.Il PCC è anche utilizzato per il trattamento e la profilassi delle emorragie in pazienti con deficit acquisiti singoli o combinati dei fattori del complesso protrombinico (p. es. nelle insufficienze epatiche gravi, nel deficit di Vitamina K, nel corso  di  trattamento  con anticoagulanti  orali).

 

Plasma S/D (Plasma di Grado Farmaceutico)

Il plasma S/D è plasma fresco congelato (PFC) con un elevato grado di sicurezza in quanto viene sottoposto a trattamento con solvente/detergente (S/D) per distruggere o rendere inattivi molti virus.

Il plasma S/D è utilizzato nel critical care per le stesse indicazioni del Plasma fresco congelato:

  • Deficit combinati di fattori della coagulazione come coagulopatie da consumo, ad esempio coagulazione intravascolare disseminata (CID), o coagulopatia dovuta a grave insufficienza epatica o trasfusioni massive;
  • Terapia sostitutiva nel deficit di fattori della coagulazione, in situazioni di emergenza quando non sia disponibile il concentrato di uno specifico fattore della coagulazione, come ad esempio il fattore V o il fattore XI, o quando non è possibile una diagnosi di laboratorio specifica.
  • Risoluzione dell’attività fibrinolitica e rapida risoluzione dell’effetto degli anticoagulanti orali quando l’azione della vitamina K è insufficiente per riduzione della funzionalità epatica o in situazioni di emergenza;
  • Porpora Trombotica Trombocitopenica (PTT), in genere in associazione a plasmaferesi;
  • In procedure di plasmaferesi intensive, PLASMASAFE deve essere utilizzato esclusivamente per correggere anomalie coagulative durante le emorragie gravi.

Fonti:
1.    Rita Garcia-Martinez. Albumin: Pathophysiologic Basis of Its Role in the Treatment of Cirrhosis and Its Complications. HEPATOLOGY, Month 2013
2.    Afshari A. Antithrombin III for critically ill patients (Review). The Cochrane Library 2009, Issue 2
3.    Sibylle A. Management of severe perioperative bleeding. Eur J Anaesthesiol 2013; 30:270–382
4.    Debora Lepri. Utilizzo clinico di plasma virus-inattivato. Recenti Progressi in Medicina, 104 2 (1), Marzo 2013