KIDCARES10, primo paziente trattato nello studio IDP pediatrico

Primo paziente trattato nell’ambito dello studio clinico KIDCARES10 di Kedrion.

KIDCARES10 sta per KIg10 in peDiatric subjects: effiCacy, sAfety and phaRmacokinEticof a 10% IG. Si tratta di uno studio di fase III, in aperto, prospettico, multicentrico, che valuterà l’efficacia, la sicurezza e la farmacocinetica di un’Immunoglobulina endovenosa (IVIg) al 10% in pazienti pediatrici di età compresa tra 2 e 17 anni affetti da Immunodeficienza Primitiva (IDP).

“Il numero di pazienti che necessitano di essere trattati per un’Immunodeficienza Primitiva continua a crescere man mano che questa rara e grave condizione medica viene meglio riconosciuta e diagnosticata dagli operatori sanitari”, ha affermato il Prof. Claudio Pignata, Professore Ordinario di Pediatria e medico curante presso il Dipartimento di Scienze Mediche Traslazionali – Università Federico II di Napoli, sito clinico KIDCARES10 dove è stato trattato il primo paziente. “I dati prodotti dallo studio KIDCARES10 saranno estremamente importanti per progredire verso una comprensione ancora più profonda dell’Immunodeficienza Primitiva nei bambini. Siamo assolutamente felici e orgogliosi di partecipare a questo importante studio”.

La ricercatrice universitaria del team guidato dal Prof. Claudio Pignata è la Dott.ssa Emilia Cirillo.

“Kedrion Biopharma prosegue il proprio impegno a contribuire fattivamente a una maggior conoscenza e comprensione scientifica di alcune malattie rare e gravi”, ha affermato Novinyo Serge Amega, M.D., Head of US Medical Affairs di Kedrion Biopharma. “Lo studio KIDCARES10 è un chiaro esempio di questo impegno. È particolarmente gratificante lavorare per aiutare i bambini a cui è stata diagnosticata un’Immunodeficienza Primitiva.”

Con KIDCARES10 si prevede di arruolare 30 pazienti in 18 centri in 5 Paesi (Italia, Portogallo, Ungheria, Slovacchia e Russia). I risultati saranno poi presentati alla Food and Drug Administration americana.

Per maggiori informazioni scrivere a: [email protected]



Per più informazioni scrivere a: [email protected]